Dopo lo scandalo emerso nel 2017, dove Facebook ha affermato di verificare l’identità degli utenti attraverso la telecamera anteriore, ci riprova a pochi anni di distanza.

La notizia è stata diffusa sul profilo Twitter di Jane Manchun Wong, una sviluppatrice di 25 anni di Hong Kong che dice di controllare ogni nuova riga di codice ogni volta che una delle app del suo smartphone Android riceve un aggiornamento.

Lo scopo di questa novità è quello di bloccare i “fake” account.

Infatti, gli utenti iscritti alla piattaforma social dovranno filmare per pochi secondi il loro volto in primo piano per permettere al software di calcolare ogni lineamento facciale. Facebook starebbe testando questo nuovo sistema di verifica con dei mini video-selfie.

Per la privacy Facebook assicura che, una volta completata la procedura, il video non potrà essere visionato da nessuno e che, trascorsi 30 giorni dalla verifica dell’account, verrà cancellato automaticamente.

Potrebbe trattarsi di uno strumento sperimentale sottoposto internamente a pochi soggetti.